M
"

Menù

Ultimi Articoli

Ricezione GSM: controlla e aumenta il segnale del cellulare

Uscire dall'azienda o dal magazzino, andare in giardino o sul balcone solo per fare una chiamata non è pratico e neanche comodo, soprattutto in inverno quando fa freddo. L'amplificazione del segnale attraverso la ricezione GSM è un ottimo alleato...

Categorie

Installazione Ponti Radio | SITIP TELECOMUNICAZIONI

Che cos’è il digital divide

25 Lug, 2022 | Connettività

Il Digital Divide indica una disuguaglianza nell’accesso alla rete internet. Più precisamente la mancanza di banda larga (adsl) o ultralarga (fibra ottica).
È il problema che impedisce la connessione internet agli italiani e che riguarda circa il 40% della popolazione.

Se l’accesso a internet è un fattore legato all’età, all’istruzione e al reddito, spesso lo è anche per ragioni geografiche e geopolitiche. Rispetto agli abitanti delle città più sviluppate, quelli delle zone rurali hanno più difficilmente accesso alla banda larga, ancora di più alla fibra ottica.

Ma vediamo nel dettaglio come si manifesta questo problema e quali sono le soluzioni.

Digital Divide in Italia

Esistono 3 tipi di versi di Digital Divide:

  • Digital Divide di primo livello: indica l’impossibilità di accedere alla banda larga (ADSL)
  • Digital Divide di secondo livello: mancanza di accesso alla banda ultralarga, la fibra ottica
  • Digital Divide di terzo livello: mancanza dell’iperfibra ottica, un problema che riguarda meno del 20% della popolazione italiana.

Quando parliamo di Digital Divide non dobbiamo pensare esclusivamente a zone rurali, alla campagna più disabitata in cui i grandi operatori della telefonia non hanno interesse a creare una copertura adeguata.
Parliamo anche di centri storici delle città, di sedi aziendali che non possono essere collegate con un cablaggio a terra, di abitazione private che non hanno modo di avere una linea internet.

L’accesso paritario alla rete con una connessione di qualità è fondamentale per le aziende che lavorano, e un diritto per le famiglie.
Secondo l’ultimo rapporto Auditel-Censis, circa 14 milioni di utenti o non accedono alla rete o lo fanno in maniera discontinua, magari con una connessione di bassa qualità.

2,3 milioni di famiglie italiane non sono connesse a Internet in nessun modo, cioè il 10% circa del totale. Un 30% invece, cioè 7,2 milioni di famiglie, si collegano solo via smartphone.

Una soluzione? I ponti radio

Digital Divide e Ponti Radio | SITIP TELECOMUNICAZIONI

Una delle soluzioni alla mancanza di un normale collegamento cablato, e quindi una strada che ci può percorre per ridurre il Digital Divide, è l’installazione di un ponte radio.

Un ponte radio collega tra loro due punti che non si possono connettere via cavo (fibra, ADSL e FTT).

Come funzionano i ponti radio

Come funziona un ponte radio? Un ponte radio è un impianto di trasmissione dati che funziona con una connessione wireless a radiofrequenza o microonde tra due punti fissi.

Per inviare e ricevere i dati utilizzano specifiche antenne che trasmettono e ricevono energia elettromagnetica.
Per funzionare non ci devono essere ostacoli tra le antenne, come alberi o palazzi.
Un ponte radio può collegare le sedi di un’azienda, un ufficio con un’abitazione, un’abitazione con un’altra abitazione, per una distanza anche di decine di chilometri.

Le installazioni di Sitip

Digital Divide: ponti radio come soluzione | SITIP TELECOMUNICAZIONI

Sitip Telecomunicazioni ha maturato negli anni una solida esperienza nella progettazione e nell’installazione di ponti radio. Un servizio che offriamo ai nostri clienti insieme alla regolare manutenzione della struttura e alla sorveglianza tecnica.

Tra i nostri impianti il ponte radio che ha collegato due sedi dell’azienda FAAC a Bologna coprendo 18 chilometri di distanza. Un ponte radio voluto dall’azienda per garantire lo scambio di dati anche nel caso di un guasto al funzionamento della linea terrestre.

Il ponte radio di back-up per un’azienda manifatturiera dell’Interporto di Bologna. 12 chilometri la distanza coperta dalla sede dell’azienda al PoP (il punto in cui il ponte radio si ricongiunge alla fibra ottica).

E poi il più classico esempio di soluzione al problema del Digital Divide: il trasloco delle antenne del ponte radio che porta internet dalla pianura a tutte le località dell’Appennino modenese.

E ancora il ponte radio installato a Moglia, ina zona rurale, che permette un collegamento stabile che permette il controllo tramite telecamere di un impianto fotovoltaico.

Sitip Telecomunicazioni è il tuo partner sicuro e affidabile per risolvere i tuoi problemi di connessione: contattaci e mettici alla prova!

 

Tag dell'Articolo: connessione - connettività

Contattaci

Compila il modulo e per poterti aiutare al meglio lascia il tuo numero di telefono, riceverai una chiamata al più presto!

Tutti i campi contrassegnati da * sono obbligatori.
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA e si applicano la Privacy Policy e i Termini del Servizio di Google.

Vuoi Restare Informato sulle News Sitip?