M
"

Menù

Ultimi Articoli

Ripetitore GSM: mai più senza segnale

A che cosa serve un ripetitore GSM? La rete mobile senza fili è il mezzo di comunicazione più usato al modo: impensabile oggi fare a meno del cellulare per un lungo periodo di tempo. Figuriamoci per chi con il cellulare deve lavorare ed essere...

Installatori Centralini Telefonici Aziendali

Perché installare un centralino telefonico in azienda? In questo articolo ti spiegheremo quali sono i vantaggi di avere un centralino fisico in azienda, di come migliora la comunicazione e come questo può rispondere alle tue specifiche esigenze di...

Categorie

La Qualità dell'Aria nelle Scuole | SITIP TELECOMUNICAZIONI

Du.De per la qualità dell’aria nelle scuole

28 Gen, 2021 | IOT

Scuole e Università sono tra gli ambienti più a rischio per la diffusione del Covid-19. Le stanze più affollate come le aule e i laboratori in cui gli studenti e gli insegnanti sono a stretto contatto per molte ore, se non adeguatamente aerate, possono veicolare facilmente virus e batteri. È molto importante attuare un protocollo per misurare la qualità dell’aria nelle scuole e intervenire quando i dati sono negativi.

In Italia il 15% della popolazione trascorre dalle 4 alle 8 ore al giorno negli edifici scolastici. Molti di questi edifici presentano carenze architettoniche, progettuali, edilizie e gestionali, che, unite al sovraffollamento e a una scarsa aerazione, espongono studenti e insegnanti alla respirazione di agenti patogeni.

Cattiva aerazioni: quali conseguenze?

Il virus Covid-19 si trasmette perlopiù per via aerea attraverso aerosol. Gli aerosol sono goccioline delle dimensioni di 5 μm che vengono rilasciate durante normali attività come parlare, cantare oppure starnutire e tossire. Se un ambiente non viene adeguatamente aerato gli aerosol rimangono nell’aria trasportando il virus, che rimane attivo per almeno 3 ore, aumentando così il rischio di contagio.

Ma non sono solo i virus come il Covid-19 a permeare l’aria viziata di un ambiente. Umidità, muffe, allergeni, batteri, formaldeide e composti organici volatili (COV) vengono respirati dagli studenti e possono provocare problemi respiratori come asma e allergie.
Studenti e insegnanti possono ridurre il rischio attuando buone pratiche come la corretta aerazione degli ambienti, ma deve essere una pratica costante e svolta a intervalli regolari.

Sitip Du.De monitora la qualità dell’aria

Monitoraggio della Qualità dell'Aria nelle Scuole | SITIP TELECOMUNICAZIONI

Come si fa a sapere se la qualità dell’aria è buona?
La concentrazione di anidride carbonica è un ottimo indicatore della situazione.
Sitip Du.De è un sistema di sensori wireless che monitora costantemente la qualità dell’aria. Raccoglie parametri come la concentrazione di CO2, la temperatura e il tasso di umidità, e individua quali sono gli ambienti più a rischio per permettere un’azione tempestiva. Il valore è visibile sul saturimetro, un dispositivo mobile che riporta i dati in modo chiaro e leggibile.

Senza una corretta misurazione di questi parametri diventa difficile intervenire adeguatamente.
Sapere quando la qualità dell’aria di un ambiente è scadente, permette di intervenire subito: la rimozione degli allergeni e degli inquinanti indoor, quelli presenti all’interno degli ambienti, in questo caso scolastici, aiuta la salute respiratoria dei bambini e il controllo e la prevenzione delle malattie allergiche.
Respirare un’aria migliore porta a una migliore qualità della vita.
Sitip Du.De ti aiuta a rendere più sicuro l’ambiente scolastico e a fare prevenzione per la salute dei bambini.

 

Ti è piaciuto questo Articolo? Condividilo!

Tag dell'Articolo: dude - IoT - monitoraggio

Contattaci

Tutti i campi contrassegnati da * sono obbligatori.
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA e si applicano la Privacy Policy e i Termini del Servizio di Google.

Vuoi Restare Informato sulle News Sitip?