M
"

Menù

Ultimi Articoli

Ponti Radio: trasmissione dati wireless fra due punti

I ponti radio sono infrastrutture strategiche per una connessione rapida, sicura e affidabile fra due punti. Se non c’è la possibilità di collegare due sedi con i tradizionali cavi, il ponte radio permette la trasmissione dati con prestazioni...

Tecnologia IoT per monitorare ambiente e persone

Le persone più fragili hanno la necessità di essere monitorate costantemente durante il giorno e, a volte, anche durante la notte. È questa l’esigenza che ha guidato il nostro intervento di IoT presso la Residenza Stella, cooperativa S.C.A.I. a...

Categorie

La Qualità dell'Aria nelle Scuole | SITIP TELECOMUNICAZIONI

Du.De per la qualità dell’aria nelle scuole

28 Gen, 2021 | IOT

Scuole e Università sono tra gli ambienti più a rischio per la diffusione del Covid-19. Le stanze più affollate come le aule e i laboratori in cui gli studenti e gli insegnanti sono a stretto contatto per molte ore, se non adeguatamente aerate, possono veicolare facilmente virus e batteri. È molto importante attuare un protocollo per misurare la qualità dell’aria nelle scuole e intervenire quando i dati sono negativi.

In Italia il 15% della popolazione trascorre dalle 4 alle 8 ore al giorno negli edifici scolastici. Molti di questi edifici presentano carenze architettoniche, progettuali, edilizie e gestionali, che, unite al sovraffollamento e a una scarsa aerazione, espongono studenti e insegnanti alla respirazione di agenti patogeni.

Cattiva aerazioni: quali conseguenze?

Il virus Covid-19 si trasmette perlopiù per via aerea attraverso aerosol. Gli aerosol sono goccioline delle dimensioni di 5 μm che vengono rilasciate durante normali attività come parlare, cantare oppure starnutire e tossire. Se un ambiente non viene adeguatamente aerato gli aerosol rimangono nell’aria trasportando il virus, che rimane attivo per almeno 3 ore, aumentando così il rischio di contagio.

Ma non sono solo i virus come il Covid-19 a permeare l’aria viziata di un ambiente. Umidità, muffe, allergeni, batteri, formaldeide e composti organici volatili (COV) vengono respirati dagli studenti e possono provocare problemi respiratori come asma e allergie.
Studenti e insegnanti possono ridurre il rischio attuando buone pratiche come la corretta aerazione degli ambienti, ma deve essere una pratica costante e svolta a intervalli regolari.

Sitip Du.De monitora la qualità dell’aria

Monitoraggio della Qualità dell'Aria nelle Scuole | SITIP TELECOMUNICAZIONI

Come si fa a sapere se la qualità dell’aria è buona?
La concentrazione di anidride carbonica è un ottimo indicatore della situazione.
Sitip Du.De è un sistema di sensori wireless che monitora costantemente la qualità dell’aria. Raccoglie parametri come la concentrazione di CO2, la temperatura e il tasso di umidità, e individua quali sono gli ambienti più a rischio per permettere un’azione tempestiva. Il valore è visibile sul saturimetro, un dispositivo mobile che riporta i dati in modo chiaro e leggibile.

Senza una corretta misurazione di questi parametri diventa difficile intervenire adeguatamente.
Sapere quando la qualità dell’aria di un ambiente è scadente, permette di intervenire subito: la rimozione degli allergeni e degli inquinanti indoor, quelli presenti all’interno degli ambienti, in questo caso scolastici, aiuta la salute respiratoria dei bambini e il controllo e la prevenzione delle malattie allergiche.
Respirare un’aria migliore porta a una migliore qualità della vita.
Sitip Du.De ti aiuta a rendere più sicuro l’ambiente scolastico e a fare prevenzione per la salute dei bambini.

 

Ti è piaciuto questo Articolo? Condividilo!

Tag dell'Articolo: dude - IoT

Vuoi Restare Informato sulle News Sitip?